Stavolta è toccato al famoso biscotto al cacao Oreo dare il nome all’ultima release di Android , tuttavia non è di certo una novità che Google assegni ogni anno il nome di un dolce alla versione del suo nuovo Sistema Operativo.

Ripercorriamo tutte le versioni del robottino verde:

Cupcake – Android 1.5 (2009)
Donut – Android 1.6 (2009)
Eclair – Android 2.0/2.1 (2009)
Froyo – Android 2.2 (2010)
Gingerbread – Android 2.3 (2010)
Honeycomb – Android 3.0 (2011)
Ice Cream Sandwich – Android 4.0 (2011)
Jelly Bean – Android 4.1/4.2/4.3 (2012)
KitKat – Android 4.4 (2013)
Lollipop – Android 5.0/5.1 (2014)
Marshmallow – Android 6.0 (2015)
Nougat – Android 7.0/7.1 (2016)
Oreo – Android 8.0 (2017)

Novità introdotte in Oreo

oreo

Il colosso Americano ha introdotto importanti novità in Android Oreo, non solo a livello estetico e prestazionale, ma anche in termini di sicurezza, introducendo Google Play Protect, il nuovo sistema integrato nel Play Store che scansiona ogni giorno oltre 50 milioni di applicazioni per eliminare virus e malware.

Vediamo le principali novità:

  • Boot speed: avvio più veloce del 50% del S.O.
  • Icone adattive: permettono una integrazione automatica con la UI (User Interface) del dispositivo.
  • Ambient screen: evidenzia la notifica in arrivo con un carattere più grande, evidenzia il nome dell’app ed un immediato accesso alle azioni.
  • Limiti alle esecuzioni in background: permette di avere più controllo sulle app che girano in background in modo da migliorare il sovraccarico del sistema.
  • Deep color: consente alle applicazioni di rendere il contenuto visivo con colori più vivaci e gradienti più sottili. Supporta una completa gestione del colore che permette alle applicazioni di rendere l’immagine nel formato e nella qualità con la quale è stata progettata.
  • Font scaricabili: le applicazioni non necessitano più di raggruppare i font personalizzati, il che riduce la loro dimensione.
  • Pointer capture: permette all’app di catturare tutti gli input del mouse.
  • Picture-in-Picture: permette di vedere due app in una volta.
  • Emoji: l’intero set è stato ridisegnato e sono state incluse 60 nuove emoji.
  • Notification Dots: sono dei piccoli pallini di notifica sull’app che permettono di vedere velocemente cosa c’è di nuovo.

Android Oreo è già disponibile per i modelli della serie Pixel e Nexus, ma il gruppo di Montain View rende noto che è già al lavoro con i produttori di terze parti affinché l’update raggiunga tutti gli altri dispositivi entro la fine dell’anno. Non ci resta che attendere.

Hai letto il nostro articolo sul malware ZNIU che sta colpendo Android?

[amazon_link asins=’B06W51WMCR,B01ELJFWLW,B06XKJ7MN6,B00WPW3JUY’ template=’ProductCarousel’ store=’advicenology-21′ marketplace=’IT’ link_id=’2e4a8890-c7d4-11e7-b59e-8bc8e142ab38′]

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here