Cos'è il green screen?

Il green screen è una tecnica molto diffusa nel campo dell’informazione, dello spettacolo e nell’intrattenimento oltre che nella realizzazione di giochi interattivi.

Questa tecnica consiste nell’utilizzare un fondo (backdrop) verde ed un soggetto di fronte (persona, cosa, ecc.). Il fondo tramite dei programmi di compositing come After Effects, Sony vegas o Photoshop viene “bucato” usando le informazioni dei pixel verdi, a questo punto possiamo sostituire a quel fondo un qualsiasi altro elemento.

Grazie alla diffusione di prodotti hardware e software specifici, oggi è possibile adottare questa tecnica con relativa semplicità e senza bisogno di investire un capitale. Sono sufficienti pochi e semplici strumenti, facilmente reperibili e un po’ di dedizione per acquisire le necessarie competenze di base e realizzare filmati e foto di ottima qualità.

Con un po’ di impegno chiunque di noi, può creare fantastici video e fotografie di grande effetto, a basso costo e con la massima resa, sia a livello amatoriale che professionale.

Cominciando a parlare in termini pratici, la prima cosa che dobbiamo fare è creare uno sfondo di colore verde (per non interferire con altri elementi dello scenario, ma esistono altri colori che vedremo in seguito).

Lo sfondo può essere di carta (non lucida), di stoffa (non lucida) o addirittura un muro dipinto; ma non tutti hanno la possibilità di pitturarsi il muro di casa di quel colore verde, per questo noi di advicenology.it abbiamo stilato una lista dei green screen migliori sul mercato.

Questo green screen con una dimensione di 1.8/2.8M è uno dei piu acquistati su Amazon, è creato con un ottimo materiale, resistente e pieghevole che lo rende adatto per ogni superfice.
Ovviamente, visto il prezzo, non è paragonabile ad un green screen professione, ma è più che adatto per tutti quelli che si avvicinano a questa tecnica e che vogliono apportare una maggiore qualità nei loro video.
Da considerare che essendo un telo piegato è probabile che possa presentare qualche piega, facilmente rimovibile come consiglia il venditore, stirando la superfice posteriore utilizzando un ferro da stiro a vapore e non a secco.
Concludendo, come specifica il venditore, il prezzo riguarda escusivamente il telo, senza strutture di sostegno, anche se, è presente nella parte superiore una tasca dove si può inserire tranquillamente un’asta così da permettere di appenderlo e farne un uso più congruo alle vostre esigenze.

Questo green screen è sicuramente il più versatile tra tutti quelli citati in questo articolo. Grazie alla sua manegevolezza e portabilità può essere trasportato facilmente (tramite la comoda borsa di trasporto inclusa) ed in pochi secondi è pronto all’uso. Le dimensioni considerevoli: 2 metri di altezza e 1,5 metri di larghezza lo rendono adatto anche per sfondi di modelli/persone o oggetti grandi. Essendo double face può essere utilizzato in ambienti dove è necessario avere uno sfondo verde o blu.

Come ultimo green screen che vi proponiamo ecco quello targato Elgato. Grazie alla tecnologia pop-up basterà sbloccare la custodia in alluminio, sollevare l’impugnatura ad un’altezza adeguata, e lasciare che il telaio pneumatico a X blocchi automaticamente la tela in posizione. La tela si presenta in 100% poliestere (Dracon di DuPont) con una dimensione di 148x180cm, una volta ripiegato si presenta con un’altezza di circa 11cm ed un peso di 9,3Kg, il che lo rende facilmente occultabile e trasportabile.

1 COMMENT

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here